Questo articolo è disponibile anche in:
Avete domande sulla nostra soluzione di hosting e se rispettiamo le norme UE sulla privacy? Questo articolo spiega tutto.

Avete domande sulla nostra soluzione di hosting e se rispettiamo le norme UE sulla privacy? Questo articolo spiega tutto.

In effetti, rispettiamo le norme sulla privacy dell'UE. Cifriamo tutti i dati degli utenti nel nostro database, tutte le parti sono protette da password (ovviamente) e separiamo il database e l'applicazione su server diversi.

Ospitiamo la nostra applicazione su Amazon AWS. L'UE e gli USA hanno concordato come mantenere i dati al sicuro secondo le norme sulla privacy dell'UE. Chiamano questo accordo "Privacy Shield". Dal loro sito web:

"Le strutture di protezione della privacy dell'UE e della Svizzera sono state concepite dal Dipartimento del commercio statunitense e dalla Commissione europea e dall'amministrazione svizzera per fornire alle imprese di entrambe le sponde dell'Atlantico un meccanismo che consenta di rispettare i requisiti in materia di protezione dei dati nel trasferimento di dati personali dall'Unione europea e dalla Svizzera agli Stati Uniti a sostegno del commercio transatlantico".

Abbiamo firmato un addendum per il nostro contratto di hosting con Amazon per arruolarci nel loro Privacy Shield Program. Per saperne di più su ciò che Amazon ha da dire a riguardo, leggi le Privacy Shield FAQ.

GDPR e AWS

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il GDPR. I servizi Amazon AWS sono conformi al GDPR.

dati AWS e HR

Riceviamo un sacco di domande sui dati delle risorse umane e se questi sono inclusi nel programma di protezione della privacy di che abbiamo con AWS. Ospitiamo in Francoforte, Germania, quindi rispettiamo la GDPR per i dati personali.
È stato utile questo articolo?
Annulla
Grazie!